PETIZIONE INDIRIZZATA ALLE AUTORITÀ DELL’ UNIVERSITÀ CATTOLICA DI LOVANIO


Rinnegare il professor Mercier significa rinunciare a testimoniare la fede cristiana nel mondo!


Firma la petizione

e-petitions.org protegge la tua privacy. Ti terremo informato sull’evoluzione di questa petizione.


16.842 persone hanno già firmato.

Aiutaci a raggiungere subito quota 20.000.



Indirizzata a:

S.Em. Rev.ma Card. Joseph De Kesel (Grande Cancelliere), Le Loro Eccellenze Jean-Pierre Delville, Rémy Vancottem e Guy Harpigny, titolari del Potere Organizzatore, il Sig. Jean Hilgers (Presidente del Consiglio di amministrazione) e il Prof. Vincent Blondel (Rettore),

Desidero esprimere rispettosamente il mio stupore e la mia perplessità a seguito della dichiarazione ufficiale dell’ Università Cattolica di Loviano (UCL) che si è dissociata da un testo di corso del Prof. Stéphane Mercier il quale non esprime altro che la posizione ufficiale della Chiesa cattolica sull'aborto, definito come un «crimine abominevole» dal Concilio Vaticano II.

 

Per porre rimedio a questo grave errore, vi chiediamo di emettere un comunicato ufficiale dichiarando che in quanto Università cattolica, la UCL si unisce totalmente e unanimemente alle posizioni del suo docente.

 

Ne va della sua integrità e della difesa del suo titolo e dell’istituzione che essa rappresentata: la Chiesa cattolica.

 

Per onorare il suo titolo di Cattolica, la UCL deve rispettare, infatti, i criteri stabiliti da Papa Giovanni Paolo II nella sua Costituzione Apostolica sulle Università Ex Corde Ecclesiae, basata a sua volta sulla Dichiarazione sull'educazione cristiana Gravissimum Educationis di Papa Paolo VI, ovvero:

 

  • Per compiere la sua missione di ricerca della verità, un'università cattolica deve assicurare che le materie di insegnamento e le ricerche ivi condotte conservino il loro collegamento essenziale con la Verità suprema che è Dio e garantire che esse siano utilizzate per il bene autentico delle persone e della società umana;

  • Per rappresentare effettivamente una presenza pubblica, universale e durevole del pensiero cristiano nel mondo della cultura e affinché i suoi studenti possano divenire veri testimoni della fede nel mondo, un'università cattolica deve rimanere fedele al messaggio cristiano così come esso è presentato dalla Chiesa;
  • Per contribuire realmente all'arricchimento del tesoro crescente della conoscenza umana, gli insegnanti di un'università cattolica devono sforzarsi di «inquadrare il contenuto, gli obiettivi, i metodi e i risultati della ricerca di ciascuna disciplina nel contesto di una coerente visione del mondo» e «essere testimoni ed educatori di un'autentica vita cristiana, la quale manifesti la raggiunta integrazione tra fede e cultura, tra competenza professionale e sapienza cristiana».

 

È esattamente questa la vocazione di un'università cattolica che il professor Stéphane Mercier ha cercato di rispettare nel suo corso ed è proprio per questa fedeltà che adesso sta essendo diffamato, con la connivenza codarda del suo datore di lavoro, l'Università Cattolica di Lovanio.

 

Sconfessando il Prof. Mercier, la UCL ha rinnegato se stessa e meriterebbe il duro monito di Nostro Signore agli Apostoli: «Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il suo sapore, con che cosa lo si potrà render salato? Non è più buono a nulla tranne che ad essere gettato via per essere calpestato dagli uomini» (Mt, 5, 13).

 

Cordialmente,

{il tuo nome}  



En co-opération avec Fédération Pro Europa Christiana.